Il telefono negli anni del boom

StampaEmail

Nel 1959 il quotidiano londinese “Daily Mail” affermava che “il livello di efficienza e di prosperità del potenziale produttivo dell’Italia costituiva uno dei miracoli economici del continente europeo”. Sulle strade trionfava la Fiat 600, l’utilitaria destinata a inaugurare la motorizzazione di massa; nelle case entravano gli elettrodomestici; una famiglia italiana su cinque possedeva un televisore e milioni di persone potevano seguire in diretta Tv un avvenimento sportivo senza precedenti, le Olimpiadi di Roma del 1960. Erano gli anni del boom economico, fondato sulla crescita della produzione industriale (il cui indice salì del 90% tra il 1958 e il 1962) e delle esportazioni, sull’aumento dell’occupazione e sullo sviluppo dei consumi.  Anche la sempre più rapida diffusione del telefono può essere considerata un indicatore della grande trasformazione della società italiana di quegli anni. In meno di un decennio, dal 1954 al 1963, gli abbonati al telefono passarono da un milione e mezzo (di cui 931.000 privati) a circa quattro milioni, pur mantenendosi significative le differenze fra il Nord e il Sud del Paese.

Documenti

  • Andamento utenze F/D

    Il successo della filodiffusione ininterrotto fino all’avvento delle cosiddette “radio libere” nella metà degli anni Settanta. Tratto da «Sip Notiziario della 2° zona (Telve)», gen-feb, 1967.

  • La diffusione del telefono in Italia tra gli anni Cinquanta e il boom

    In questa pagina è illustrata la densità telefonica italiana dal 1954 al 1963. Tratto da Stet, Relazioni e Bilancio al 31 marzo 1960, Ilte, Torino, 1960.

  • Lo sviluppo dell’utenza nel Mezzogiorno

    In questa pagina è illustrato l’incremento dell’utenza nel Sud del Paese tra il 1953 e il 1962. Tratto da Stet, Relazioni e Bilancio al 31 marzo 1963, Ilte, Torino, 1963.

  • Lo sviluppo della densità telefonica regionale

    In questa pagina un grafico illustra l’andamento della densità telefonica regionale tra il 1957 e il 1963. Tratto da Stet, Relazioni e Bilancio al 31 marzo 1964, Ilte, Torino, 1964.

  • Lo sviluppo dell’utenza

    In questa pagina è illustrato l’incremento dell’utenza telefonica italiana, suddivisa tra utenza “affari” e utenza “privati”, nel decennio 1953-1963. Tratto da Stet, Relazioni e e Bilancio al 31 marzo 1964, Ilte, Torino, 1964.

  • Lo sviluppo del traffico telefonico extraurbano in teleselezione

    In questa pagina un grafico illustra l’incremento delle chiamate in teleselezione tra il 1946 e il 1960. Tratto da Stet, Relazioni e Bilancio al 31 marzo 1961, Ilte, Torino, 1963.

Commenti+ lascia un commento

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Use to create page breaks.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

© 2012 Telecom Italia | Partita IVA: 00488410010