Cavi, ponti radio e satelliti

StampaEmail

La “conquista della distanza” è sempre stato uno dei fondamentali obiettivi della trasmissione della voce (e poi dei dati). Il rame, in grandi cavi coassiali, e poi le onde elettromagnetiche, nei ponti radio prima e nei satelliti, hanno costituito tappe fondamentali di questa sfida.

Documenti

  • I ponti radio della Timo nell’Abruzzo e nel Molise nel 1957

    Un articolo riccamente illustrato pubblicato su «Selezionando. Notiziario Stipel, Telve, Timo», n° 5, 1957, è dedicato alla rete in ponte radio dell’Abruzzo e del Molise: la più vasta della società Timo.

  • I primi dieci anni dei ponti radio nella Stipel

    I ponti radio si diffusero all’interno della società Stipel tra la fine degli anni Quaranta e l’inizio degli anni Cinquanta. Un articolo pubblicato su «Selezionando notiziario Stipel », n° 6, 1959, è dedicato ai loro primi dieci anni di vita.

  • A che servono i satelliti?

    Su «Selezionando. Notiziario Stipel», n° 9, 1959, è pubblicato un articolo che introduce la novità tecnologica dei satelliti. L’anno precedente era stato messo in orbita nello spazio il satellite artificiale americano Vanguard, a cui si riferiscono alcune immagini dell’articolo, mentre due anni prima era stato lanciato in orbita, questa volta dai russi, il primo satellite artificiale della storia, lo Sputnik 1. Alla fine dell’articolo, chiedendosi a che cosa potranno servire i satelliti, si immagina il loro utilizzo a fini scientifici ed esplorativi, senza alcun riferimento al loro uso nell’ambito delle telecomunicazioni.

  • Il sistema delle telecomunicazioni Italcable nel 1971

    L’illustrazione grafica, tratta da Nuove forme di utilizzazione di servizi intercontinentali di telecomunicazioni, Roma, 1971, mostra il sistema delle telecomunicazioni Italcable, realizzato attraverso cavi sottomarini, satelliti e ponti radio. L’opuscolo è collocato in Ads Roma 4433.

  • Il cavo transoceanico Tat-6

    L’articolo dal titolo 4.000 circuiti sotto il mare, apparso sulla rivista del Gruppo Stet «Cronache dal Gruppo», n° 4, 1973, illustra le caratteristiche del cavo transoceanico Tat-6, il nuovo cavo sottomarino che assicurò nel 1976 altri 3840 circuiti telefonici tra l’Europa e gli Usa. Nell’occasione vengono ripercorse le principali tappe della telefonia transatlantica via cavo.

Commenti+ lascia un commento

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Use to create page breaks.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

© 2012 Telecom Italia | Partita IVA: 00488410010