L’invenzione del telefono

StampaEmail

Diversi furono i protagonisti dei primi anni di vita del telefono. Un ruolo di primo piano fu svolto dagli scienziati e dagli inventori che, con le loro ricerche e i loro esperimenti, svilupparono questa nuova applicazione dell’energia elettrica.
 
 Il caso Meucci

La polemica sul mancato riconoscimento dell’invenzione del telefono all’italiano Antonio Meucci è nota. Il “caveat”, e cioè la domanda di brevetto, depositato nel 1871 dall’italiano poi morto in povertà, era prova inconfutabile di quel primato, giacché i brevetti di Alexander Graham Bell e di Elisha Gray sarebbero stati depositati solo cinque anni dopo, nel 1876.

Approfondimenti

Documenti

  • La morte del “presunto” inventore del telefono

    Sulla rivista aziendale «Sincronizzando...», n° 8, 1922, viene data notizia della morte di Alexander Graham Bell. L'articolo è occasione per rivendicare il merito dell'invenzione del telefono non solo al povero Antonio Meucci ma anche al suo precursore, Innocenzo Manzetti.

  • “La priorità e la gloria di Meucci”

    L'articolo dal titolo Il telefono è invenzione italia, apparso sulla rivista «Sincronizzando...», n° 6, 1923, sintetizza la risposta di Benito Mussolini al deputato socialista Umberto Bianchi, che gli aveva rivolto un'interrogazione parlamentare per chiedere un'inchiesta al fine di sconfiggere la “falsa credenza dell'opinione pubblica mondiale” che attribuisce l'invenzione del telefono a Bell. La rivendicazione della priorità di Meucci aveva alimentato per anni le campagne della stampa italo-americana

  • Il “telegrafo parlante” di Innocenzo Manzetti

    L'articolo, apparso sulla rivista aziendale «Selezionando. Notiziario Stipel, Telve, Timo», n° 9-10, 1951, introduce la figura del valdostano Innocenzo Manzetti, inventore del “telegrafo parlante”, il congegno che si vorrebbe all'origine dell'ispirazione di Bell.

Commenti+ lascia un commento

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Use to create page breaks.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

© 2012 Telecom Italia | Partita IVA: 00488410010