Ricostruire

StampaEmail

Alla fine della guerra, le società telefoniche si trovarono di fronte al difficile compito della ricostruzione.
Se durante il Ventennio fascista il telefono non si era ancora affermato come ordinario mezzo di comunicazione personale, nel corso della guerra molto di quel poco o di quel tanto che era stato costruito andò distrutto.
Nel dopoguerra, nell’arco di una decina di anni, gli sforzi compiuti per l’ammodernamento delle infrastrutture di rete e una politica di basse tariffe furono efficaci nel porre le premesse per la successiva fase di boom che caratterizzerà il Paese tra la fine degli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta.
 

Documenti

  • La diffusione del telefono in Italia nel 1952

    In questa pagina è illustrata la densità telefonica italiana nelle zone delle 5 concessionarie telefoniche. Tratto da Stet, Relazioni e Bilancio al 31 marzo 1953, Ilte, Torino, 1953.

  • Lo sviluppo del servizio telefonico pubblico in comuni e frazioni

    In questa pagina è illustrato l’incremento della telefonia pubblica nei comuni e nelle frazioni di competenza delle società Stipel, Telve e Timo dal dopoguerra al 1954. Tratto da Stet, Relazioni e Bilancio al 31 marzo 1955, Ilte, Torino, 1955.

  • Ripartizione degli abbonati per provincia e regioni e per categorie di abbonamento al 31 dicembre 1954

    Fonte: ADS Roma, n. 3190.

  • Lo sviluppo della rete al centro nord

     In questa pagina è illustrato l’incremento della rete interurbana nelle zone servite dalle società telefoniche Stipel, Telve e Timo dal dopoguerra al 1955. Tratto da Stet, Relazioni e Bilancio al 31 marzo 1956, Ilte, Torino, 1956.

  • Sviluppo telefonico nelle principali città mondiali

    Tratto da Statistiche telefoniche mondiali (by American Telelephone and Telegraph Company) al 1° gennaio 1955, Gruppo Stet, Torino, marzo 1956.
    Fonte: ADS Roma, n. 3190

Commenti+ lascia un commento

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Use to create page breaks.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

© 2012 Telecom Italia | Partita IVA: 00488410010