La guerra partigiana: intercettare e sabotare

StampaEmail

Nel corso della seconda guerra mondiale gli operai telefonici finirono per svolgere un’attività cruciale per le sorti dell’andamento del conflitto. Nelle città bombardate, il recupero dei materiali danneggiati e il ripristino delle comunicazioni diventò l'attività principale di molti operai telefonici mentre nella lotta di Resistenza centrale fu l’attività di sabotaggio e di intercettazione delle comunicazioni.

Documenti

  • Carte del Fondo Aldo Goi, Intercettazioni telefoniche

    I documenti riproducono trascrizioni a matita di intercettazioni telefoniche del 23 febbraio e del 3 marzo 1945. (Fondo Aldo Goi)

Commenti+ lascia un commento

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Use to create page breaks.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

© 2012 Telecom Italia | Partita IVA: 00488410010