Il terremoto del Friuli

StampaEmail

Il 6 maggio 1976 alle 21 una scossa di magnituto 6.4 ebbe come epicentro la media valle del Fiume Tagliamento, tra i comuni di Tolmezzo e Tarcento. La zona di massima intenesità riguardò l’area compresa tra Venzone, Gemona, Osoppo e Artegna. Complessivamente tra i 119 comuni coinvolti posti tra Udine e Pordenone si registrarono 979 vittime, oltre 3000 feriti e circa 70000 senza tetto.
L’evento sismico del Friuli fu, a partire dal secondo dopoguerra, il più forte terremoto registrato fino ad allora in Italia, successivamente superato solo dal terremoto dell’Irpinia nel 1980.

Documenti

  • Gli interventi della Sip in Friuli

    Alcuni mesi dopo il terremoto del Friuli, in seguito a una ulteriore forte scossa avvenuta nel mese di settembre, un articolo della stampa aziendale dal titolo Il terremoto di settembre nel Friuli, pubblicato su «Selezionando Sip. 4° Zona», n. 9-12 del 1976, ritorna sull’evento per testimoniare gli interventi svolti dalla Sip nelle zone disastrate.

Commenti+ lascia un commento

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Use to create page breaks.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

© 2012 Telecom Italia | Partita IVA: 00488410010