L’alluvione del Polesine

StampaEmail

Quella del Polesine fu l’alluvione di più grandi proporzioni che l’Italia del Nord ha conosciuto dal secondo dopoguerra. Le inondazioni che si verificarono in quella zona, tra il 13 e il 17 novembre del 1951, avvennero alla fine di un periodo già caratterizzato da forti piogge ed esondazioni che avevano colpito diverse aree della pianura Padana dal Piemonte al Veneto, a partire dai primi mesi di quell’anno.
Nel corso del mese di novembre si verificarono gli eventi più disastrosi che tennero impegnate per circa 15 giorni, in una situazione di continua emergenza, la Stipel, la Timo e la Telve, le tre società concessionarie telefoniche che in quel momento servivano le regioni del Nord.

Documenti

  • La solidarietà della stampa aziendale

    Sul numero 11 del novembre 1951 di «Selezionando. Notiziario Stipel, Telve, Timo», la copertina della rivista è utilizzata dalla redazione per lanciare un appello ai lettori affinche inviino delle sottoscrizioni a favore delle popolazioni colpite dall’alluvione.

Commenti+ lascia un commento

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Use to create page breaks.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

© 2012 Telecom Italia | Partita IVA: 00488410010