I giuntisti

StampaEmail

Secondo il Mansionario delle posizioni di lavoro comuni alle Società concessionarie telefoniche, redatto nel 1964, i compiti principali del giuntista consistevano in lavori di posa, smistamento e giunzione della rete in cavo; operazioni preliminari e complementari relative alla ricerca e alla localizzazione dei guasti dei cavi e la loro eventuale riparazione.
 
L'attività del giuntista

La giunzione dei cavi si rende necessaria sia per la costruzione che per la manutenzione della rete. I cavi sono infatti forniti in pezzature di lunghezza limitata, sebbene di diverse centinaia di metri, e per questo necessitano di essere congiunti fra loro; inoltre possono essere tranciati, subire danneggiamenti e per questo occorre ripararli.
La giunzione di due cavi è un'operazione delicata e complessa: bisogna prima trovare e numerare tutte le coppie di fili contenuti nel cavo (che possono essere decine, centinaia o migliaia) e procedere quindi alla giunzione, sia per i singoli fili che per gli isolanti da cui sono avvolti.
Un giunto sbagliato o difettoso pregiudica il buon funzionamento del servizio telefonico con tutte le conseguenze negative che ne derivano (maggiori costi per la società e proteste da parte degli utenti).
Esistono tre tipologie principali di giunto: i giunti aerei, realizzati sui cavi fissati ai muri esterni degli edifici o sorretti da una fune tesa tra le palificazioni o gli edifici, i giunti sui cavi interrati nelle trincee scavate lungo le strade, e i giunti realizzati nei cosiddetti manufatti sotterranei (camerette, pozzetti, gallerie e cunicoli). Gli ultimi due giunti interessano i cavi di dimensioni maggiori e sono quelli più complessi da realizzare. Infatti, se nei primi anni del Novecento i cavi più grandi contenevano solitamente non più di 700 coppie di fili, nel secondo dopoguerra gli stessi cavi raggiunsero una potenzialità di 2400 coppie di fili.

Documenti

  • Un procedimento per l’esecuzione dei giunti nei cavi del 1909

    L’illustrazione riproduce le diverse fasi dell’esecuzione di un giunto. Le prime figure mostrano il taglio della guaina di piombo del cavo fino a mostrare tutti i conduttori. La giunzione comincia quindi dallo strato interno e continua coi seguenti, dal centro alla periferia. Una volta giuntati tutti i conduttori viene versata sopra della paraffina bollente per togliere ogni traccia di umidità e, successivamente, il giunto è avvolto in una striscia di mussolina. Il giunto viene infine coperto ermeticamente con un manicotto di piombo saldato alla guaina del cavo. Tratto da Telefoni dello Stato – Direzione generale – Servizio tecnico, Norme di lavoro. Procedimento per l’esecuzione dei giunti nei cavi, Roma, 1909.

  • La giornata di lavoro del giuntista

    Su «Selezionando. Notiziario Stipel» n° 7 del 1963, la giornata lavorativa di un giuntista è raccontata attraverso le immagini. La prima foto lo ritrae sull’uscio della sua abitazione (una casa di ringhiera) in giacca e cravatta, l’ultima nel corridorio della scuola serale. Il giuntista in questione riceve di prima mattina il materiale per il suo lavoro e si reca, con un mezzo motorizzato, nei luoghi che necessitano del suo intervento.
    Le fotografie mostrano quindi il giuntista, in cima a una scala all’italiana, mentre realizza un giunto aereo sulla facciata di un edificio.

Commenti+ lascia un commento

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Use to create page breaks.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

© 2012 Telecom Italia | Partita IVA: 00488410010