Gli esordi: le incertezze legislative (1877-1888)

StampaEmail

Nel 1877, a Milano, i fratelli Gerosa effettuarono il primo collegamento telefonico fra il Municipio e il posto di guardia dei pompieri. L'anno successivo si svolse, alla presenza del sovrano, la prima telefonata interurbana: il re ebbe modo di ascoltare all'apparecchio un piccolo programma musicale. Le prime applicazioni e l'originaria denominazione del telefono come "telegrafo parlante" possono essere utili per capire la discussione che si svolse intorno a come "interpretare" il nuovo: il telefono doveva essere considerato come l'evoluzione del telegrafo, rilevante per l'amministrazione e la sicurezza dello Stato, o piuttosto un mezzo del tutto nuovo impiegabile nell'intrattenimento?

Documenti

  • L’eredità telegrafica degli Stati italiani

    La tabella fotografa la situazione della telegrafia italiana nel momento dell’unificazione, fornendo informazioni sulla dirigenza, il personale e il numero di uffici, sull’anno di impianto dei servizi, sullo sviluppo delle linee, sui materiali in uso, sui tipi di apparati. Tratto da Albino Antinori, Le telecomunicazioni italiane, 1861-1961, Roma, 1963.

  • Telegrafi italiani. Carta delle linee e degli uffici dello Stato. Roma, gennaio 1878

    La carta, coeva alle prime sperimentazioni del telefono, riporta le indicazioni degli uffici telegrafici italiani e indica se la linea telegrafica è stata posta lungo le strade ferrate o lungo le strade ordinarie. Pubblicata in Albino Antinori, Le telecomunicazioni italiane, 1861-1961, Roma, 1963.

Commenti+ lascia un commento

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Use to create page breaks.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

© 2012 Telecom Italia | Partita IVA: 00488410010